I 10 artisti italiani più importanti e famosi

I centri artistici della pittura italiana erano Firenze, Roma e Venezia. La tecnica della pittura ad olio è arrivata a Venezia dalle Fiandre. I pittori erano educati e versatili, allo stesso tempo architetti, scultori, pittori, scienziati e poeti.

LEONARDO da VINCI

Uno dei più insoliti artisti italiani le cui opere nel campo della matematica, anatomia, meccanica, fisica, balistica e teoria dell’arte hanno espresso interesse e conoscenza nel campo dello spirito umano. Con lo spirito dello scienziato, si dedicò alla pittura. Nel quadro incompiuto “Adorazione dei Magi”, un grande numero di figure sono state dipinte attorno al gruppo centrale con la Vergine Maria. Lo sfumato di Leonard evidenziava il chiaroscuro in primo piano. Alla piena espressione, lo sfumato arrivò ai finiti quadri di Leonardo, di cui la Mona Lisa è la più famosa.

RAFFAELLO SANZIO

È un grande pittore del Rinascimento. Ritratto e pittore della Vergine Maria, Raffaelo dipinse monumentali affreschi delle logge Vaticane. Su una delle dipinti dipingeva molti filosofi antichi. Rafael dipinse la figura di Platone e Aristotele come una discussione degli antichi saggi, e dipinse anche l’architettura della chiesa di San Pietro a Roma.

MICHELANGELO BUONARROTI

Era uno scultore e un pittore del Rinascimento. La sua statua di David, alta oltre 5 metri, è scolpita in un blocco di marmo bianco. All’interno della élite intellettuale fiorentina nel castello dei Medici, rianimò l’amore per la filosofia platonica-neoplatonismo.

GIOTTO

I suoi dipinti sono una rottura radicale con l’arte bizantina. Sui suoi affreschi di grandi superfici ha usato colori naturali di toni. Nella composizione dei suoi dipinti, immaginava che usasse anche gli elementi del paesaggio.

TIZIANO

Tiziano aveva completato l’intero quindicesimo secolo e visse a lungo. Le opere create dalla metà del secolo appartengono all’arte del Rinascimento, come Flora, Amor Sacro e Amor Profano, Venere dormiente e altri. In questi dipinti ha espresso la bellezza femminile.

SANDRO BOTTICELLI

Alessandro di Mariano Filipepi, uno dei più importanti pittori del Rinascimento fiorentino. È il primo dei pittori italiani a realizzare disegni per l’illustrazione della Divina Commedia di Dante. Le sue opere sono conosciute in tutto il mondo e tra le più famose è la Nascita di Venere del 1845.

TINTORETTO

Jacopo Tintoretto Robusti è uno dei più grandi maestri del XVI secolo. Ha avuto un forte impatto sui pittori europei, in particolare gli impressionisti. Ha lavorato nella Venezia, dove sono conservate le sue opere principali “Paradiso” nel Palazzo Ducale, “L’Ultima Cena” a San Giorgio Maggiore, “Crocifissione” nella Scuola Grande di San Rocco.

AMADEO MODIGLIANI

È raramente che un artista d’arte crea un tale prototipo di “artista maledetto” come Modigliani. Con il suo stile non si adattava alla direzione di quel tempo, come il favismo, il cubismo, ed era lasciato a un destino solitario. Ha ritratto tutti gli artisti, e soprattutto ha dipinto gli atti delle sue numerose amanti, che sono diventate il suo genere di pittura e riconoscimento.

CARAVAGGIO

È uno dei più importanti pittori hooligan, che sempre batteva sulle strade di Roma. Ha vissuto in un periodo in cui il Rinascimento italiano era già in uno stato di morte. Dipingeva Cristo e i santi come vicini, brutti e sporchi, come operai e contadini, esattamente come probabilmente erano millecinquecento anni prima.

PAOLO UCCELLO

Si dice che il mondo di Paolo Uccello sia “fiabesco”, forse perché i suoi dipinti a volte ci ricordano quella storia ingenua del XIV secolo in cui gli eventi non erano collocati in uno spazio “naturale”. Questa “fiaba” nasconde l’ironia.

Author: admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *